CENNI STORICI


Il Paese di Sasso Pisano, attestato inizialmente (attorno all’896) come Saxo poi Castello di Saxo, e ancora Sasso di Maremma. Etimo di origine morfologica con riferimento allo sperone roccioso di origine calcarea su cui fu edificato.

LA STORIA DI SASSO PISANO

Di Origine Longobarda, a difesa della strada etrusca che da Volterra si collegava a Populonia e che al bivio di Adarbia si diramava verso il Senese passando appunto da Sasso Pisano per continuare verso la Pieve di Commessano e poi Travale, Probabilmente si collegava alla Fracigena.

Il Paese di Sasso Pisano contava nel 1986 ben 1089 abitanti, l’economia era prevalentemente agricola ma non mancavano gli artigiani

Oggi il paese conta molti meno abitanti ma ha sviluppato una forte economia basata sul turismo.

Il paese, posto a 500 metri sul livello del mare, facilmente raggiungibile per chi viene dal mare o dalle zone interne del Volterrano e del Fiorentino.

In questo contesto il Ristorante “IL TINAIO” è punto di riferimento per coloro che vorranno approfittare delle eccezionali escursioni nella zona meglio conservata dell”area boracifera.

Il nome del ristorante infatti ha una storia che lo collega agli anni passati. Infatti nello stesso luogo dove ora sorge il ristorante, negli anni passati c’era un tinaio (luogo dove si mettevano i tini) proprietà della fattoria Trenti; quì venivano vinificate le uve provenienti da numerosi poderi dalle quali venivano prodotti vini di qualità noti in tutto il territorio.

a 500 metri dal ristorante IL TINAIO si possono trovare le Biancane, il cui nome deriva dal colore delle rocce sbiancate dal calore del terreno. Quì si possono ammirare vari minerali tra cui la sassolite (acido borico che prende il nome dal paese di Sasso), e lo zolfo in esili cristalli gialli; il tutto in perfetta simbiosi con il verde dei castagni, delle scope marine e del borgo che incorniciano queste manifestazioni.

Che dire? dopo una bella gita, tornare al ristorante IL TINAIO che offre, oltre alla tipica ospitalità e simpatia toscana, piatti della nostra tradizione. La sfoglia tirata a mano con il “maccheronaio” per avere quel magnifico prodotto che è il tortello con ricotta locale e erbette, oppure le tagliatelle condite con ragu di carne o selvaggina oltre a una vasta gamma di secondi che spaziano dalla carne al pesce.

Il grade forno a legna permette di realizzare pizze per tutti i gusti che faranno felici anche i palati più esigenti.

Il vino e soprattutto l’olio della zona particolarmente vocata danno quel valore aggiunto alla già ottima cucina.

L’ampio salone è attrezzato per ricevere, oltre ai graditi ospiti occasionali, anche pranzi di nozze, comunioni, battesimi e cene di lavoro.

Il ristorante si colloca quindi in un contesto tra natura e gastronomia per offrire il meglio del territorio.

Oltre a tutto questo, l’azienda offre anche all’interno del paese un fornitissimo negozio di generi alimentari “ALIBAR DALLE BIRBE” posto in pieno centro e locato nello stesso luogo del più vecchio negozio del paese “da Giannino” che era gestito precedentemente da una delle famiglie storiche del paese: i Fillini.

Quì ora potrete acquistare ottimi salumi e formaggi locali, bibite e tutto quello che vi serve, prodotti di alta qualità abbinati ad ottimi prezzi.

IL TINAIO E ALIBAR DALLE BIRBE, UN BINOMIO CHE DA SOLO MERITEREBBE UN VIAGGIO A SASSO PISANO


SI RINGRAZIA RENZO BRUCALASSI PER LA SEGUENTE TESTIMONIANZA